Password dimenticata? Nome utente dimenticato?
Home | Cerca | Contatti
DELEGAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN VISITA IN VALLE SUSA PDF Stampa E-mail

Incontro con le popolazioni in lotta da 23 anni contro l’aumento del debito pubblico italiano, francese ed europeo >> Teatro Don Bunino di Bussoleno giovedì 9.2 alle ore 21.
Comunicato Stampa 2 - 7 febbraio 2012
Gli europarlamentari Sonia Alfano, Eva Lichtenberger, Gianni Vattimo e Sabine Wils saranno in Valle Susa il 9 e il 10 febbraio in rappresentanza di 24 europarlamentari di 5 gruppi politici e 12 nazionalità che a novembre 2011 indirizzarono una lettera ai Presidenti Herman Van Rompuy, Manuel Barroso e Jerzy Buzek contro la militarizzazione del “non cantiere” di Chiomonte nella quale è detto, tra l’altro, che “è scandaloso che si risponda al dissenso popolare con una militarizzazione del territorio, che potrebbe durare per molti anni” [1].

L’obiettivo della visita è verificare sul posto lo stato della realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione dal punto di visita tecnico, con un sopralluogo al “non cantiere”, dal punto di visita sociale, attraverso gli incontri con le popolazioni e da quello politico con colloqui con le Istituzioni di valle (Susa) e di pianura (Torino).

L’incontro con la cittadinanza è fissato al Teatro Don Bunino di Bussoleno giovedì 9.2 alle ore 21.

Venerdì 10 febbraio la delegazione - integrata da Consiglieri delle Regioni Piemonte e Rhône-Alpes, studiosi, ricercatori e avvocati, per un totale di una trentina di persone-, visiterà l'area di Chiomonte presidiata dalle forse dell'ordine in cui sono previsti i lavori per lo scavo di un tunnel geognostico. Il Movimento No TAV ricorda che la zona è stata dichiarata di “interesse strategico” [2] e la delegazione la visita proprio per acquisire informazioni ed esaminare in modo approfondito la questione, che riguarda anche il rispetto dei diritti costituzionali dei cittadini.

Dopo la visita del “non cantiere” sono previsti incontri di carattere istituzionale richiesti al Presidente della Comunità Montana Sandro Plano, al Presidente della Regione Roberto Cota, al Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta e al Sindaco di Torino Piero Fassino.

La delegazione potrà così assumere - senza intermediazioni - ogni elemento utile alla formazione di un'approfondita valutazione del presente e del futuro del progetto della nuova linea ferroviaria Torino - Lione.

Il Movimento No TAV ricorda che Nathalie Kosciusko-Morizet, Ministro francese dell’Ecologia e dei Trasporti, ha indicato a dicembre 2011 “la ricetta per uscire dalla grave crisi: dare priorità alla manutenzione e al rinnovo della rete ferroviaria classica e sottoporre lo sviluppo delle linee ad Alta Velocità ad una valutazione esterna indipendente per superare la confusione tra decisioni politiche e tecniche di tutti i progetti con l’esclusione delle quattro linee i cui lavori sono in corso”, tra i quali non vi è la Torino - Lione.[3]
- - -
[1]
http://www.notavtorino.org/documenti-02/en-lett-no-agreem-tent-pp6-nov-2011.pdf
[2] Legge 12.11.2011, n. 183, entrata in vigore il 1° gennaio 2012.
[3] Cfr. Intervista a Marc Ivaldi, economista della Toulouse School of Economics (TSE) : … i 4 progetti di linee ad Alta Velocità  in corso - la  cui realizzazione sarà mantenuta - sono: Tours-Bordeaux, Bretagna-Pays-de-Loire, seconda fase della linea Est-Europa e circonvallazione di Nîmes e Montpellier.
http://www.objectifnews.com/economie/lgv-incertitudes-analyse-marc-ivaldi-21122011


 

 




L’opera inutile Torino – Lione sotto la lente europea
Comunicato Stampa - 3 febbraio 2012
Apprendiamo da Bruxelles che la prossima settimana una delegazione di Parlamentari europei si recherà in Valle Susa e a Torino allo scopo di prendere contatto con i cittadini e le istituzioni locali, torinesi e regionali.

I cittadini della Valle Susa accoglieranno con fiducia la delegazione europea e il Movimento No TAV auspica che tutte le istituzioni locali e regionali colgano l’occasione per uno scambio proficuo di idee.

Questa visita sarà di grande interesse perché potrà essere fatto il punto sullo stato dei lavori nel “non cantiere” della galleria esplorativa de La Maddalena, divenuta area di interesse strategico nazionale (cfr. Legge 12.11.2011, n. 183, entrata in vigore il 1° gennaio 2012).

La delegazione potrà inoltre assumere - senza intermediazioni - ogni elemento utile alla formazione di una approfondita valutazione del presente e del futuro del progetto della nuova linea ferroviaria Torino Lione.

Il Movimento No TAV auspica anche che, con riferimento alla lettera inviata il 9 novembre 2011 ai Presidenti Van Rompuy, Barroso e Buzek da 24 deputati europei contro la militarizzazione del “non cantiere”, sia esaminata approfonditamente questa grave situazione di privazione di alcuni diritti costituzionali dei cittadini.
 

- - -

Legge 12.11.2011, n. 183 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012). (G.U. 14.11.2011, n. 265 - S.O. n. 34)
Art. 19 - Interventi per la realizzazione del corridoio Torino-Lione e del Tunnel di Tenda
1. Per assicurare la realizzazione della linea ferroviaria Torino-Lione e garantire, a tal fine, il regolare svolgimento dei lavori del cunicolo esplorativo de La Maddalena, le aree ed i siti del Comune di Chiomonte, individuati per l'installazione del cantiere della galleria geognostica e per la realizzazione del tunnel di base della linea ferroviaria Torino-Lione, costituiscono aree di interesse strategico nazionale.
2. Fatta salva l'ipotesi di più grave reato, chiunque si introduce abusivamente nelle aree di interesse strategico nazionale di cui al comma 1 ovvero impedisce o ostacola l'accesso autorizzato alle aree medesime è punito a norma dell'articolo 682 del codice penale.



 

Diciamo NO

al TAV perché

sarebbe un'opera:



CONTRIBUTO PER LE SPESE LEGALI
DEL MOVIMENTO NO TAV

Per la difesa di attivisti, per le cause e i ricorsi contro le illegalità in delibere, provvedimenti e azioni inerenti la realizzazione della Torino - Lione, i nostri avvocati lavorano gratuitamente, ma i costi legali sono alti.

Per contribuire alle spese legali:

conto corrente postale
001004906838
IBAN
IT22 L076 0101 0000 0100 4906 838
Intestato a
PIETRO DAVY
CEBRARI MARIA CHIARA




  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • Galleria Fotografica
  • A
  • B
  • O
  • R
  • R
  • T
  • V

Appuntamenti
Articoli
Comunicati locali